Fashion Web Marketing

Posts Tagged ‘ebay

versace immagini web

Come sappiamo da tempo, il Web ormai si esprime sempre più per immagini. La sua evoluzione riguarda non tanto la presentazione dei contenuti testuali quanto quella delle immagini. Padrone e protagonsite assolute della nostra era multimediale, le immagini ci circodano: sono dappertutto, spesso sono l’unico modo (o comunque quello più rapido) per condividere quello che stiamo facendo o vedendo ai nostri contatti. Se il layout con cui sono presentate non cattura però i nostri sguardi, la missione è fallita.
Quali sono quindi i brand più meritevoli in questo ambito? Eccoli:

  • VERSACE: il nuovo sito presenta una navigazione a immagini molto simile a quella di Pinterest, con funzioni social comode e colori accesi ma non fastidiosi. Fornisce inoltre consigli personalizzati in base al “mood”. Un sito davvero “giovane” insomma. (Senza contare la portabilità..il sito infatti è ben visibile anche dai device portatili come smartphone, tablet etc.).
  • Boucheron: il brand di alta gioielleria francese Boucheron unisce, integrandoli perfettamente, contenuti testuali con video e immagini che l’utente può poi ritrovare sui vari social quali Instagram, Twitter, Facebook e Pinterest. In basso a sinistra, cliccando sul simbolino del fumetto, si accede ad una chat integrata per chiedere informazioni al servizio clienti in via più diretta. Purtroppo non è ancora possibile acquistare online. Il lazy loading di html5 rende comunque la navigazione molto più leggera e dinamica.
  • Van Cleef & Arpels: ecco un’altra marca di alta gioielleria che si sta buttando sul web visuale. Notevole il tour virtuale del negozio in cui vediamo anche gli artigiani all’opera durante la crazione dei gioielli (sembra quasi in tempo reale.. lo è??). Anche qui, come negli altri siti, gli elementi multimediali hanno la meglio sul testo, che compare solo una volta posizionato il mouse sulle singole immagini. Il testo in overlay è infatti una caratteristica sempre più comune dei nuovi siti in html5 che esaltano l’aspetto visuale. Notevole anche la presentazione dei prodotti tramite Tumblr (niente Pinterest per questa volta) e la collaborazione con James Bortfotografo/blogger francese.

(Fonte: www.womarketing.netsons.org)

Una special mention va però anche al nuovo feed del sito eBay, sempre più gradevole esteticamente e sempre più simile a .. Pinterest (strano eh?). Anche l ‘usabilità è sicuramente migliorata, dal momento che il feed auto-apprende, consigliandoci oggetti a partire dalle nostre ricerche precedenti! Meglio di così, cosa volete? Forse una Carla Gozzi virtuale che si dedichi solo a voi dentro ai siti di e-shopping? Magari! Arriveremo presto anche a quello secondo me.

eBay - My Feed pinterest

Annunci

Rieccoci con un aggiornamento su una cosa non più così nuova, ma che sta prendendo piede solo da poco.. se continuerà ad accumulare iscritti, i prodotti in vendita andranno a formare un archivio che non avrà niente da invidiare ai vari eBa, etsy etc.

Stiamo parlando di Garage, un’applicazione mobile per ora disponibile (purtroppo) solo per iPhone.
Per chi utilizza già Instagram il problema del dover “imparare” ad utilizzare una nuova app non si pone proprio: il funzionamento è esattamente lo stesso: stessa modalità di caricare le foto, aggiungere descrizioni, commentare le foto degli altri utenti etc.
Rispetto a Instagram, purtroppo, Garage ancora non contiene features per l’editing delle immagini.

In più però ha la possibilità di comunicare direttamente, tramite messaggi privati (o “chat”, se l’utente con cui stiamo comunicando è online in quel momento) direttamente dall’applicazione …. e poi, ovviamente, ci permette di ricevere VERI SOLDINI grazie alla vendita di vestiti, oggetti o tutto quello che ci ritroviamo in casa e che siamo sicuri di non utilizzare mai più.

C’è anche chi sfrutta questa app per vendere oggetti handmade o capi vintage acquistati con l’unico scopo di rivenderli (facebook è ormai pieno di negozietti online gestitii da ragazze che sono ormai diventati più forniti di qualsiasi fiera del vintage!).

Il metodo di pagamento può essere il semplice scambio a “mano” di merce e conseguente somma in denaro, oppure ci si può affidare a PayPal, tramite il quale gli utenti possono “refillare” il nostro account al momento dell’acquisto (questa modalità è chiaramente più adatta per chi non abita nella nostra città).

I vantaggi, dunque, ci sono. Dobbiamo solo sperare che sempre più utenti superino l’ostacolo del “non mi fido” o del “non mi va” o del “non riesco a liberarmi dei miei vestiti vecchi”… Suvvia, abbiamo tutti bisogno di più spazio e di un ricambio stagionale nel nostro guardaroba 🙂


Eugi’s Tweets:

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

i Like…



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: